Genesi di Sebastiao Salgado in mostra a Genova

January 14, 2016

 

A partire dal 26 Febbraio 2016 sara’ ospitata presso il Palazzo Ducale di Genova la mostra Genesi.

Genesi e’ l’ultimo monumentale progetto di Sebastiao Salgado, sul quale il fotografo brasiliano ha lavorato per piu’ di otto anni.

A partire dagli anni ‘70 Salgado si e’ affermato come fotografo di altissimo livello dedicandosi alla fotografia sociale e documentaristica, avendo a cuore sempre un unico soggetto: l’uomo. Le conseguenze dei fenomeni economico-sociali e delle catastrofi naturali sulla vita delle persone umili sono state per quasi 30 la cifra della fotografia di Salgado. Poi, a meta’ degli anni ‘90, una crisi personale:  " Quello che ho visto durante il genocidio ruandese mi ha fatto perdere la fede nell'uomo e nel mondo. Alla fine di questo percorso stavo male, la mia salute era a pezzi". Salgado abbandona momentaneamente la fotografia e con la moglie Leila torna in Brasile per dedicarsi ad un progetto ambientale nella terra di famiglia, dove pianta 2 milioni di alberi. Sull’onda di questo progetto, Salgado trova nuova ispirazione per la sua fotografia, e si lancia nel progetto Genesi: viaggiando in lungo e in largo per il pianeta, Salgado testimonia la bellezza dei luoghi in cui l’uomo non ha ancora intaccato la bellezza della natura, o dove l’uomo vive ancora nella sua dimensione ancestrale. Dove la Terra si mostra ancora come il giorno in cui e' stata creata, il giorno della Genesi. Nonostante sia la prima volta che Salgado si dedica alla fotograsfia naturalistiche, le fotografie sono di straordinaria bellezza.

Salgado racconta cruciale  passaggio della propria carriera e la nascita della sua coscienza ecologista nello splendido libro “Dalla mia Terra alla Terra” e nel film-documentario di Wim Wenders “Il sale della Terra”,  in cui emergono tutta la profondita’ e l’idealismo del fotografo brasiliano.

Come per le altre esposizioni che hanno accolto il progetto ‘Genesi‘, anche la mostra in programma a Genova è suddivisa in cinque sezioni, ognuna dedicata ad un continente: il Sud del Pianeta(Argentina, l’Antartico e le sue isole), l’Africa, l’Emisfero Nord (ovvero le regioni più fredde, compreso lo splendido territorio del Colorado) l’Amazzonia (terra straordinaria, ricca di un’infinità di specie, di flora e di fauna) e i Santuari del Pianeta (zone come il Madagascar e e la Papua Nuova Guinea) così soprannominati perché custodiscono particolari forme di biodiversità.

 

Info mostra : http://www.palazzoducale.genova.it/sebastiao-salgado/

 

 

Libri di fotografia consigliati
 

Genesi, di Sebastiao e Leila Salgado, 2013
Genesi e' un progetto fotografico di lungo termine, come del resto tutti gli altri a cui ha lavorato Salgado. La sua realizzazione ha impegnato il fotografo brasiliano dal 2004 al 2012.In quest'opera Slagado cerca di ritrarre la bellezza e la maestosita' delle regioni piu' incontaminate, posti dove flora e fauna sono ancora incontaminati e dove l'uomo vive ancora in condizioni ancestrali.Genesis serve a mostrare ed evocare, ma soprattutto a suscitare la consapevolezza della necessita' di porteggere tutto questo.

 

 

 

 

Dalla mia terra alla terra, di Sebastiao Salgado e Isabelle Francq, 2014

L'imperdibile collana “ In parole” della casa editrice Contrasto ha dedicato ha pubblicato per l’Italia questo volume in cui Salgado racconta in prima persona la sua esperienza umana e professionale. Oltre ad una prosa scorrevole e coinvolgente, che ci rivela un Salgado abile narratore, sono presentate 40 meravigliose foto in bianco e nero. In questo libro Salgado racconta il suo percorso, le sue convinizioni e la sua interpretazione della fotografia come strumento da utilizzare per attirare l’attenzione sulle tematiche sociali ed ambientali. Assolutamente da non perdere

Please reload

Biografie
Post Consigliati
Please reload